La fine della mafia

Con sede in Italia e negli Stati Uniti, la Mafia è una rete di gruppi criminali organizzati attivi in ​​una serie di iniziative criminali, dal traffico di droga all'omicidio. La mafia si è evoluta nel corso dei secoli in Sicilia, un'isola al largo della punta meridionale dell'Italia che fino al 1861 era governata da una linea di invasori stranieri. I siciliani si unirono in gruppi per proteggersi; nel XIX secolo, alcuni di questi gruppi emersero come eserciti privati ​​che estorcevano denaro per la protezione ai proprietari terrieri e si trasformarono nell'impresa criminale conosciuta oggi come la mafia siciliana. La mafia americana, un'entità separata, salì al potere nell'era del proibizionismo degli anni '20 e presto fiorì. Entro la fine del XX secolo, tuttavia, le leggi anti-racket e altre tecniche hanno abbattuto i mafiosi di alto rango sia in Italia che negli Stati Uniti. All'inizio del 21° secolo, la mafia era stata indebolita ma non è stata ancora cacciata dal mercato.

La mafia in ascesa

Entro la seconda parte del 19° secolo in Sicilia, in Italia, bande criminali che erano diventate note come la mafia fiorirono usando la violenza e l'intimidazione per estorcere denaro per la protezione da proprietari terrieri e mercanti. Negli anni '20, la mafia siciliana stava affrontando la sfida del primo ministro Benito Mussolini (1883-1945), salito al potere nel 1922. Mussolini considerava la mafia una minaccia per il suo regime fascista e lanciò una brutale repressione in cui più di un migliaia di sospetti mafiosi furono condannati e gettati in prigione. (Alcuni mafiosi italiani sono fuggiti negli Stati Uniti, dove sono stati coinvolti nel commercio di liquori di contrabbando e nella fiorente mafia americana.) Dopo la seconda guerra mondiale, la mafia è risorta mentre le imprese edili sostenute dalla mafia lavoravano per dominare il boom edilizio degli anni '50 in Sicilia .

Lo sapevi? Al Capone, capo della criminalità organizzata a Chicago negli anni '20 e coinvolto in tutto, dal gioco d'azzardo illegale all'omicidio, fu infine abbattuto da una condanna del 1931 per evasione fiscale. Capone uscì di prigione nel 1939, troppo malato per tornare alla sua vita criminale. Morì nel 1947 all'età di 48 anni.

Negli Stati Uniti, la mafia si è sviluppata come entità separata durante l'era del proibizionismo degli anni '20, quando le bande di quartiere italo-americane si sono trasformate in sofisticate imprese criminali grazie al loro successo nel commercio illecito di liquori. Nel 1931, il mafioso Lucky Luciano (1897-1962) ha ideato l'istituzione della Commissione, che fungerà da organo di governo centrale per gli oltre 20 gruppi o famiglie criminali italo-americani, che allora operavano negli Stati Uniti.

Dopo l'abrogazione del proibizionismo nel 1933, la mafia americana è andata oltre il contrabbando e si è trincerata in una serie di iniziative illegali, dal traffico di droga allo strozzinaggio, mentre si infiltrava anche nei sindacati e nelle attività legittime come l'edilizia, il commercio sul lungomare e l'abbigliamento di New York industria. Entro la metà del 20° secolo, c'erano 24 famiglie criminali conosciute che operavano nelle città di tutto il paese, composte da circa 5.000 membri "fatti" o introdotti e migliaia di associati. La capitale americana della criminalità organizzata era New York City, che aveva cinque grandi famiglie mafiose. Anche se le attività illegali di queste famiglie criminali erano note alle forze dell'ordine, non sono state efficaci nell'arrestare la crescita della mafia, in parte perché i mafiosi spesso pagavano funzionari pubblici e dirigenti d'azienda e corrompevano o intimidivano testimoni e giurie.

Dichiarazione di guerra alla mafia, anni '50 e '60

All'inizio degli anni '50, Estes Kefauver (1903-1963), senatore statunitense del Tennessee, avviò un'indagine sulla criminalità organizzata e tenne udienze pubbliche televisive che rappresentarono la prima volta che una parte del governo federale riconobbe pubblicamente l'esistenza della mafia americana. Tuttavia, adducendo la mancanza di prove specifiche, l'FBI e altre forze dell'ordine, insieme al Congresso, non hanno intrapreso alcuna azione sostanziale. Poi, nel 1957, la polizia della cittadina di Apalachin, nello stato di New York, fece irruzione in un raduno di oltre 60 mafiosi provenienti da tutto il paese. All'indomani del raid, il governo non poteva più ignorare l'esistenza della mafia o insistere sul fatto che le bande criminali italo-americane operassero solo a livello locale.

All'inizio degli anni '60, il procuratore generale degli Stati Uniti Robert Kennedy (1925-1968) ha intensificato gli sforzi del governo per combattere la criminalità organizzata e la corruzione nei sindacati. Uno dei principali obiettivi di Kennedy era Jimmy Hoffa (1913-1975), il capo del sindacato Teamsters, composto da oltre un milione di membri. Kennedy fece anche pressioni sul direttore dell'FBI J. Edgar Hoover, che era stato lento a perseguire la mafia, per intensificare gli sforzi della sua agenzia contro i mafiosi. L'FBI, i cui investigatori fino a quel momento avevano una scarsa conoscenza delle operazioni della mafia, iniziò un programma di spionaggio elettronico che raccoglieva informazioni preziose. Un altro importante sviluppo avvenne nel 1963, quando il mafioso di New York condannato Joseph Valachi infranse il sacro codice del silenzio, o omerta, della mafia, e divenne un informatore del governo, rivelando e confermando per la prima volta dettagli sulla struttura e sui costumi della mafia.

Sconfiggere la mafia, gli anni '70 e oltre

A partire dalla fine del 20° secolo, il governo iniziò a vincere la sua guerra contro la mafia. Nel 1970, il Congresso approvò il Racketeer Influenced and Corrupt Organizations (RICO), che si rivelò uno degli strumenti più potenti utilizzati per abbattere i mafiosi, poiché consentiva al governo di "attaccare le imprese criminali su un ampio fronte, spogliandole di la loro leadership e le fonti di entrate sia illecite che legittime in un'unica azione giudiziaria massiccia", secondo un rapporto del 1992 su Congressional Quarterly. Durante gli anni '80 e '90, le leggi RICO sono state utilizzate per condannare i mafiosi di alto rango, che in passato erano stati in grado di evitare il processo. (Leggi simili sono state efficaci nel produrre condanne di massa in Italia durante questo periodo.) Alcuni mafiosi, di fronte a lunghe pene detentive, hanno deciso di testimoniare contro compagni mafiosi in cambio di un posto nel programma di protezione dei testimoni. Inoltre, l'appartenenza alla mafia negli Stati Uniti è diminuita poiché i quartieri insulari italo-americani, un tempo luogo di reclutamento tradizionale per mafiosi, hanno subito cambiamenti demografici e sono diventati più assimilati nella società.

All'inizio del 21° secolo, la mafia americana era l'ombra di se stessa e l'FBI aveva iniziato a tagliare le risorse dedicate alle indagini sulla criminalità organizzata. Mentre le famiglie criminali di New York e Chicago, i centri di lunga data dell'attività mafiosa, erano state maltrattate ma non scacciate dagli affari, molti clan criminali nel resto degli Stati Uniti erano allo sbando o sull'orlo dell'estinzione, secondo il New York Times giornalista e ricercatore di criminalità organizzata Selwyn Raab. In Italia, anche le forze dell'ordine hanno continuato a compiere progressi contro la criminalità organizzata. Tuttavia, la mafia rimane attiva lì e negli Stati Uniti, dove continua a essere coinvolta in alcune delle sue attività tradizionali, tra cui strozzinaggio e gioco d'azzardo illegale. Allo stesso tempo, la sua presa sui sindacati e su industrie come quella edile è stata indebolita ma non eliminata. A contribuire alla sopravvivenza continua della mafia può essere il fatto che in seguito agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 in America, significative risorse della criminalità organizzata sono state trasferite al lavoro antiterrorismo.

© 2022 reteantimafiabrescia.org