Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

14/06/14

Rifiuti illegali: sequestrato impianto Ecoservizi Spa di Buffalora


Da bresciaoggi.it:
Rifiuti pericolosi, con sostanze dal potenziale cancerogeno, sarebbero stati diluiti o miscelati e smaltiti in maniera irregolare al fine di consentire il rientro nei parametri di legge. E' successo a Brescia, più precisamente nell'impianto Ecoservizi Spa di via dei Santi 58, un'azienda che smaltisce oltre il 30 per cento delle polveri di abbattimento provenienti da tutti gli inceneritori d'Italia. Ieri mattina i sigilli con il via libera della Procura che da tempo aveva aperto un fascicolo sulla vicenda, figlia di altre indagini che già in passato avevano coinvolto i vertici di società che gravitano nella galassia Systema ambiente. Quella contestata è soltanto una delle violazioni che le approfondite indagini del Corpo Forestale dello stato hanno portato alla luce. Il nucleo investigativo provinciale di Polizia ambientale e forestale di Brescia ha, pertanto, eseguito il sequestro dell'impianto per attività di smaltimento di rifiuti «non previsti in autorizzazione» e «miscelazione-diluizione di rifiuti pericolosi cancerogeni». 
Sono stati denunciati all'autorità giudiziaria il responsabile dell'impianto e l'amministratore delegato della società, quel Manlio Cerroni già arrestato nei mesi scorsi nella capitale per reati ambientali. 
Ora le persone coinvolte rischiano pene pecuniarie fino 26mila euro e la reclusione fino a due anni. 
UNA VITTORIA per i residenti della zona di Buffalora dopo anni di esposti a carico dell'azienda per emissioni moleste in atmosfera e in seguito alla sentenza della corte europea dei diritti dell'uomo per violazione dell'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) della «convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali». Per la prima volta i responsabili dei comitati ambientalisti che per anni si sono battuti per arginare i problemi derivanti dall'impianto hanno assistito alla chiusura preventiva dell'attività di trattamento rifiuti pericolosi. 
Tra le numerose violazioni all'autorizzazione integrata ambientale perpetrate dalla ditta, sarebbero principalmente emerse le inosservanze alle prescrizioni dei rifiuti in entrata, un'omessa trasparenza delle procedure, il superamento della soglia del 30 per cento relativamente al quantitativo di rifiuti pericolosi trattabili autorizzati, la mancanza delle prescrizioni per i controlli degli scarichi nei corpi idrici superficiali e l'omesso controllo di alcuni parametri per lo scarico nella fognatura, tra cui la presenza di pesticidi, solventi organici e idrocarburi. 
Di particolare gravità è stata «la prassi di miscelazione-diluizione di rifiuti pericolosi al fine di consentire il rientro nei parametri di legge». Le indagini della Forestale, con il supporto dell'Arpa Brescia proseguono finalizzate all'individuazione di altri reati ed ulteriori responsabili.
Manlio Cerroni, signore incontrastato del business delle discariche, colui che il gip romano Massimo Battistini a gennaio, nell'ordinanza di oltre 400 pagine, definiva«il Supremo» ritorna protagonista di vicende giudiziarie che lambiscono anche il bresciano dopo Montichiari, dove vennero bloccate quaranta tonnellate di rifiuti speciali provenienti dalla Capitale e destinate alla discarica Gedit. 
All'epoca, prima degli arresti, i controlli della task force dell'Arpa, allertata dalla Regione Lombardia, avevano infatti riscontrato delle difformità sospette fra i codici Cer (una sorta di carta d'identità dei rifiuti) e il materiale effettivamente trasportato da due dei quattro camion approdati a Vighizzolo (frazione di Montichiari). Nell'inchiesta che aveva portato ai domiciliari Cerroni e altre sei persone, i carabinieri del Noe avevano ricostruito una storia di documenti falsi, emergenze pilotate. Tonnellate di rifiuti destinati alla differenziata mai trattati e finiti nella discarica di Malagrotta (Roma), nonostante i proprietari dell'impianto di differenziazione incassassero diversi milioni di euro.
IL «SISTEMA MALAGROTTA» implicitamente permetteva di dichiarare Malagrotta in costante emergenza proprio perché, secondo l'accusa, nel conteggio delle cubature di spazzatura finivano materiale non definibile rifiuto tout court come il Cdr (combustibile da rifiuti) e ciò che poteva essere riciclato. Dunque l'emergenza fittizia di Malagrotta produceva, per l'accusa, un nuovo business al gruppo visto che le amministrazioni erano costrette a trovare nuovi siti. Businnes destinato a intaccare anche Montichiari e di riflesso, dopo le ultime contestazioni, anche l'impianto ceneri di Brescia. Stando alle carte della prima inchiesta «No smoke», oltre trenta delle 280 mila tonnellate di «veleni» del polo industriale dismesso Sisas di Pioltello erano state tumulate senza precauzioni nella Bassa e in Franciacorta. Le due situazione più delicate si erano registrate invece a Rovato e Montichiari, dove gli scarti pericolosi erano semplicemente tumulati senza essere sottoposti ad alcun trattamento. Stessa storia delle ceneri di Brescia. 
Giuseppe Spatola

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.