Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

01/06/14

Per l’Expo serve una Dia a Brescia

dal Giornale di Brescia di sabato 31 maggio (pag. 11)
articolo di Daniele Zorat 
Il procuratore generale Pierluigi Maria Dell’Osso, ad un mese dal suo insediamento, torna sulla necessità di avere in città una sede della Direzione investigativa antimafia 
«Un baluardo di legalità con un ruolo attivo nel drenare i tentativi di infiltrazioni mafiose». Questo dovrebbe essere il ruolo del distretto giudiziario di Brescia agli occhi del nuovo procuratore generale Pierluigi Maria Dell’Osso. In vista soprattutto di un grande evento come l’Expo del 2015, «espressione dell’Italia ma pure dell’intera Unione europea». 
Come dare concretezza a questa idea se la Procura di via Lattanzio Gambara può disporre solo di 24 magistrati (21 sostituti, due aggiunti e un procuratore), e più in generale il numero di magistrati è sostanzialmente ridotto rispetto ad altre realtà vicine alla nostra? Come poter affrontare la mole di controlli necessaria per vigilare sull’attività delle centinaia di aziende che dovranno operare per l’Esposizione universale se a Brescia non c’è nemmeno una sezione della Dia, la Direzione investigativa antimafia che dallo scorso autunno ha il compito di vigilare sulle attività di queste ditte, entrando anche nei cantieri? 
Sono alcune considerazioni che il procuratore generale - che viene da un passato e da una ricca esperienza frutto del suo impegno contro la criminali- tà organizzata di ogni genere e tipo - affronta dopo poche settimane dal suo arrivo a Brescia. L’occhio del pg cade sul lungo elenco di aziende coinvolte nell’Expo sulle quali si dovrà prestare la massima attenzione per evitare che dietro attività lecite si nascondano, di fatto, interessi criminali, delle più svariate organizzazioni. E non soLo di stampo mafioso, e non solo italiane. «Già una trentina di ditte con sede nel distretto di Brescia sono risultate oggetto di misure interdittive per questioni di antimafia. Alcune unità specificamente per l’Expo. La Dia di Milano sta lavorando ma con risorse inadeguate, mentre servirebbe un altro centro Dia a Brescia per quella parte di lavoro che si riferisce espressamente all’Expo, così da fare da supporto operativo nell’attività di contrasto alle infiltrazioni mafiose e non. Mi auguro che per la fine dell’anno si possa arrivare alla sua creazione. Io almeno mi impegnerò affinché questo avvenga». Il procuratore generale Dell’Osso arriva a queste considerazioni dopo un lungo ex cursus sulla presenza accertata della criminalità organizzata di stampo mafioso, italiana e straniera, a Brescia e dopo un’analisi comparativa tra i distretti giudiziari vicini al nostro. «In Lombardia ci sono due distretti, quello di Brescia e quello di Milano. Ma non c’è omogenità di problemi e di questioni criminali. In Procura a Brescia ci sono 24 magistrati, a Milano 85, a Torino 62. Ma quanto a numero di magistrati per distretto qui ce ne sono 56, con un bacino d’utenza di quasi due milioni di persone mentre a Milano ce ne sono 166, e a Torino 137. Non è un caso che la Procura di Brescia sia stata dichiarata in due occasioni sede disagiata per il carico di lavoro. Quello di Brescia risulta un distretto con forti problemi di sottodimensionamento. I numeri non fanno sconti». Eppure di problematiche da affrontare la nostra provincia ne ha, e pure di svariate forme. Il pg Dell’Osso fa un breve cenno alle mafie straniere. Non solo nel Bresciano (e nel distretto di Corte d’Appello) sono ben presenti ’ndrangheta e camorra e Cosa nostra, ma ci sono pure le organizzazioni criminali nigeriane dedite allo sfruttamento della prostituzione, quelle messicane per il traffico di droga. Quanto alla mafia russa «si registra una crescita del volume degli investimenti in beni di lusso da parte di cittadini russi, con l’acquisto di ville di pregio sulla riviera gardesana per quanto riguarda il territorio bresciano». Strettamente legati tra loro poi altri due fenomeni come la riduzione in schiavitù e la tratta di esseri umani che riguarda per esempio altre etnie, come quella cinese. «Abbiamo appurato che il viaggio dalla Cina all’Europa costa dai 12 ai 14mila euro. Un’attrazione fatale quindi per la criminalità organizzata. Si è poi registrata un’apertura di queste enclavi. Ad esempio la prostituzione cinese inizialmente riservata ad un bacino d’utenza di connazionali, ora si rivolge anche a clienti italiani». Criticità che rendono quindi assolutamente necessaria un’implementazione degli organici degli uffici giudiziari bresciani. 
Ma un cenno il procuratore generale Dell’Osso lo riserva anche all’appena celebrato quarantennale della Strage di Piazza Loggia. «Con la recente sen- tenza della Cassazione si è riconosciuta la bontà del lavoro fatto tra mille difficoltà a Brescia. Ma non mancano aspetti per un attuale approfondimento nel mosaico di conoscenze che si è venuto a creare. Ci sono alcuni aspetti che necessitano una delicata esplorazione ma sono emersi aspetti davvero molto seri». Prospettive da non lasciare cadere «per far smettere di sanguinare a quella ferita ancora aperta a distanza di quarant’anni».

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.