Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

14/03/14

Rogo doloso distrugge centro estetico

Da bresciaoggi.it:

L'odore di benzina si è avvertito subito, forte, mentre le fiamme divampavano ancora. Ed è per questo che il dolo prende corpo nelle indagini sull'incendio che si è sprigionato l'altra notte nel centro estetico «La Fonte della Bellezza», in via Cipro 82. I danni sono ingenti e serviranno settimane per poter riaprire. I carabinieri della stazione La Marmora sono intervenuti per il primo sopralluogo, quando era ancora notte, ma le indagini non saranno semplici. I titolari infatti riferiscono di non aver avuto minacce.
LA CHIAMATA ai vigili del fuoco è arrivata intorno ale 4.30 e le fiamme sono state spente piuttosto velocemente. In meno di un'ora si è proceduto anche alla bonifica da parte dei pompieri arrivati con un' autobotte e con un mezzo di supporto.
La segnalazione era arrivata da una vicina.
Nelle ore successive agli interventi notturni, sono tanti gli interrogativi che si pongono i proprietari del centro estetico.
«Non sapremmo - spiega Chiara Mazzolari, 22 anni, titolare de «La Fonte della Bellezza» - a chi pensare. Non abbiamo ricevuto minacce, ne alcun segnale che lasciasse pensare a un fatto del genere. Non sappiamo che nemici potremmo avere».
Il centro è stato aperto circa tre anni fa, con Chiara Mazzolari sono impegnate anche la madre e la sorella.
«STANOTTE - prosegue nel racconto la titolare - sono state sentite delle esplosioni. A provocarle potrebbero essere stati i profumi che avevamo in vetrina. Certo è che non è possibile ancora dire in che modo sia stato dato fuoco al centro. Fosse stata trovata una bottiglia rotta si sarebbe potuto pensare a una molotov. La certezza è rappresentata dal forte odore di carburante che si avvertiva anche appena arrivati. Delle vampate che non lasciavano dubbi».
Chiara Mazzolari è stata avvisata da una donna che vive in un appartamento di fronte al negozio.
«Probabilmente svegliata dalle esplosioni - spiega - ha recuperato, forse attraverso internet il numero di cellulare e mi ha chiamato. Sono corsa immediatamente a vedere cosa stesse succedendo e mi sono trovata di fronte alle fiamme».
L'incendio ha provocato danni a piano terra, non nel seminterrato e nel magazzino.
«Oltre ai muri, alle vetrate, ai mobili - precisa la titolare - sono andati distrutti o resi inutilizzabili parecchi prodotti esposti». Ma il pensiero va subito al futuro. «Intediamo - conclude - riaprire. Ci vorrà almeno un mese perchè tutto torni a posto. Ma riapriremo».

Mario Pari

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.