Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

12/11/13

Operazione della GF di Reggio, un arresto anche ad Orzinuovi

Un arresto anche ad Orzinuovi nell’ambito dell’operazione “Araba Fenice”, condotta dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria, di cui parla l’articolo de “Il Fatto Quotidiano” pubblicato qui sotto.
Si tratta di Angelo Casciano, classe 1987, originario di Reggio Calabria e residente, appunto, ad Orzinuovi.

Interessanti le parole del Procuratore nazionale antimafia durante la conferenza stampa: “L’antimafia si fonda su 3 pilastri: l’antimafia giudiziaria, e mi sembra che stiamo facendo il nostro dovere, l’antimafia sociale e l’antimafia politica”.
Concordiamo, e ci chiediamo se tutte e tre queste componenti stiano facendo adeguatamente il proprio dovere nella nostra Provincia.  

Professionisti (avvocati, commercialisti e un amministratore giudiziario), imprenditori e mafiosi. E’ un’operazione che colpisce la “zona grigia” quella della Guardia di Finanza a Reggio Calabria. Le Fiamme Gialle hanno arrestato 47 persone e sequestrato 14 società e beni per oltre 90 milioni di euro.

Al centro dell’indagine, condotta anche dalla Scico di Roma, ci sono le famiglie mafiose dei Fontana, Condello, Lo Giudice, Latella, Serraino, Rosmini, Audino e Ficara. Le cosche mafiose, stando alle indagini coordinate dal procuratore Federico Cafiero De Raho e il sostituto della Dda Giuseppe Lombardo, si sono spartite la città dello Stretto.

Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso, trasferimento fraudolento di valori, abusiva attività finanziaria, utilizzo ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, favoreggiamento, peculato, corruzione, illecita concorrenza ed estorsione, tutti aggravati dalle modalità mafiose. In azione 500 finanzieri per eseguire complessivamente 90 perquisizioni tra Calabria, Piemonte, Veneto, Lombardia e Puglia.

L’operazione ha dimostrato come anche le società sequestrate in passato, in realtà restavano in mano ai clan grazie all’amministratore giudiziario che è stato arrestato. In manette anche un legale molto noto in città. Per lui, vicino agli ambienti politici e già coinvolto in altre inchieste di mafia sull’asse Reggio-Milano, l’accusa è di associazione mafiosa.

L’inchiesta “Araba Fenice” ha svelato l’esistenza di un vero e proprio cartello criminale di tipo mafioso in grado di condizionare la realizzazione di complessi residenziali privati, ovvero eseguire tutti i relativi e connessi lavori di completamento con la conseguente illecita percezione di profitti.

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.