Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

16/12/11

Un colpo ai «grossisti» dell'hashish

da bresciaoggi.it

DROGA. Anche un bresciano nel mirino dell'inchiesta dei carabinieri di Padova con la Guardia Civil spagnola
Tra gli arrestati figura il vobarnese Angelo Giori Secondo i carabinieri era al vertice della «rete»

15/12/2011

Un ruolo di primo piano nell'organizzazione criminale collegata che risulta coinvolta in un enorme traffico internazionale di droga. È quello che, secondo i carabinieri del Comando Provinciale di Padova, ha ricoperto Angelo Giori, 44 anni, originario di Vobarno.
È uno dei dieci destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip di Padova Lara Fortuna, su richiesta del sostituto procuratore Orietta Canova.
L'indagine, condotta dai carabinieri del Comando Provinciale di Padova, in collaborazione con la Direzione centrale servizi antidroga e i colleghi della Guardia civil spagnola, ha portato al sequestro di circa 2,6 tonnellate di marijuana nella nazione iberica.
LE INDAGINI hanno inoltre consentito d'accertare che l'organizzazione era in grado di produrre un hashish potentissimo, chiamato «ice soletto» che, secondo l'analisi dell'Istituto di Medicina Legale dell'Università di Padova, presenta una concentrazione altissima di Thc, pari al 41 per cento, mentre solitamente si aggira sul 13 per cento. La conseguenza è che il «fumo» in questione è in grado di produrre disturbi psichici 7 volte maggiori rispetto all'uso di preparati ordinari.
I CARABINIERI impegnati nell'esecuzione dell'ordinanza, sono stati complessivamente 300, in servizio nei comandi di Padova, Treviso, Vicenza, Rovigo e Brescia. Per Angelo Giori, l'ordinanza è stata notificata in carcere, a seguito di indagini svolte in particolare dalla Compagnia di Cittadella.
NEL SETTEMBRE scorso, il vobarnese venne arrestato a Salò, insieme ad altre due persone, mentre stava trasbordando dal suo Ape Piaggio a un furgone qualcosa come 55 chili di marijuana.
I carabinieri di Cittadella, nelle perquisizioni che seguirono, con l'apporto dei colleghi delle compagnie di Salò e Desenzano del Garda, trovarono nell'abitazione di Angelo Giori, a Salò, oltre a 65 chili di marijuana, 120mila euro e un arsenale, detenuto illegalmente: una pistola semiautomatica Beretta calibro 9x21, una pistola a tamburo Smith &Wesson 357 Magnum, una pistola a tamburo calibro 38, tutte con matricola abrasa, e 300 cartucce di vario calibro, diversi caricatori, fondine e giubbotti antiproiettile.
UN SEQUESTRO che già all'epoca rese l'idea dello spessore criminale di Giori. Ora le indagini culminate nell'ordinanza, in base alle quali il bresciano sarebbe uno dei luogotenenti all'interno dell'organizzazione.M.PA.

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.