Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

10/11/11

Sono di imprenditori macedoni i cadaveri ritrovati in Maddalena

La domanda sorge spontanea: perchè mai due imprenditori macedoni che stanno progettando di aprire dei centri commerciali nella loro città vengono a Brescia portando con se i relativi documenti? 
Il sospetto, corroborato dalla brutalità con cui i due imprenditori sono stati giustiziati, è che in questa vicenda sia coinvolta la criminalità organizzata italiana. 

Da ilgiorno.it

Avevano in progetto di costruire un centro commerciale a Skopje, in Macedonia: freddati con un colpo di pistola

Si è risolto il giallo dei due corpi rivenuti il 15 ottobre scorso sul Monte Maddalena a Brescia. Sono due imprenditori macedoni che avevano in progetto di costruire un centro commerciale a Skopje, in Macedonia.

Una famiglia cercava castagne invece si è imbattuta in resti umani. Stando all’autopsia, i due corpi - uno, più integro, appariva mutilato di una gamba e un piede, l’altro del tutto smembrato - presentavano all’altezza del toracedue fori, uno ciascuno, compatibili con l’ogiva di un proiettile.

Il primo cadavere aveva anche lesioni compatibili con una arma da taglio, un filo di ferro conficcato in un osso per un paio di millimetri, e una frattura all’avambraccio sinistro, non è chiaro se provocata post mortem da agenti esterni (per esempio i molti animali selvatici di stanza in Maddalena).

L’altro corpo, interamente smembrato, presentava appunto un foro di proiettile e una lesione contusiva alla mandibola. Decisivo per le indagini, a cura della Mobile e della Scientifica di Brescia, coordinate dal pm Ambrogio Cassiani, il ritrovamento di un cellulare nella tasca dei pantaloni di una tuta rinvenuta vicino ai corpi. La scheda sim era intestata a un 42enne macedone, titolare di una società agroalimentare.

La cui famiglia, ha scoperto l’Interpol, aveva presentato denuncia di scomparsa a fine giugno. Anche un altro connazionale, un 45enne con una società di forniture aziendali, era scomparso in contemporanea. Una accelerata alle indagini è arrivata da una chiamata alla Polizia da parte del titolare di un albergo di Brescia, che il 21 ottobre ha denunciato la presenza di due bagagli abbandonati in hotel da due stranieri arrivati in estate - il 23 giugno - e poi spariti.

I due avevano pagato una notte, ma dopo essersi registrati e aver lasciato le valigie sono usciti e non sono più tornati. Nei due trolley c’erano alcuni documenti, un passaporto macedone, una carta d’identità e una patente croate, appartenenti al 45enne scomparso. Carte scritte in cirillico relative al progetto di costruzione di un centro commerciale, appunto a Skopje. E la giacca della tuta i cui pantaloni erano stati repertati in Maddalena.

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.