Mappa delle allerte in provincia di Brescia.

Clicca sulla mappa e scopri quali sono le allerte in provincia di Brescia e
dintorni, dove sono presenti i beni confiscati, dove c'è stato smaltimento illecito di rifiuti o un rogo doloso. Tutti gli eventi sono tracciati e tenuti aggiornati dallo staff della rete.

11/08/11

Cosa vi avevamo detto sulla Macogna?

Dal blog di Angelo Bergomi, vice Sindaco del Comune di Rovato 

Il bravissimo Fabio Abati, giornalista de Il Fatto Quotidiano, già autore di una video-inchiesta "La Leonessa e la Piovra" è tornato a parlare di malavita presente dalle nostre parti.
Lo ha fatto prendendo spunto da un'inchiesta che ha riguardato l'ennesimo intervento della Magistratura sulla Cava Macogna.
Secondo le ipotesi degli inquirenti nella Macogna si sarebbero verificati ritombamenti con materiale proveniente da un cantiere di Mapello divenuto tristemente famoso perchè in esso si concentrarono le prime ricerche del corpo della piccola Yara Gambirasio.
Di che natura è questo materiale? E' pericoloso per la salute pubblica? CHI lo ha trasportato in questo bacino lo ha fatto nel rispetto delle norme sulla movimentazione di rifiuti?
Ci sono indagini in corso che lo dovranno stabilire: per ora dobbiamo essere garantisti.
Certo è che gli episodi che hanno preceduto l'attuale inchiesta sulla Cava Macogna non sono benauguranti: escavazioni abusive, ritombamenti non autorizzati sono già avvenuti anche in passato in questa cava.
Sapete che in un pezzo della cava Macogna vi è un sarcofago di materiali stoccati nell'area anni fa, messi in sicurezza con l'obbligo di effettuare un monitoraggio costante? Sapete che la ditta che doveva garantire il monitoraggio non paga quella specializzata e incaricata per farlo che quindi, giustamente, ha sospeso l'attività? Sapete che a meno di 500 metri c'è il pozzo dell'acquedotto di Berlingo? Sapete che a poche centinaia di metri ci sono le nostre prime cascine di Duomo?
Dopo tutto ciò arriva l'inchiesta di cui parla Abati nel suo articolo.
E nonostante tutto ciò persistono in Regione due domande di discarica su questo bacino.
Quella della ditta DRR per rifiuti inerti (a Dicembre gli e nè è stata bocciata una per rifiuti speciali non pericolosi) e quella della ditta Profacta per rifiuti speciali.
Cosa deve ancora succedere in questo bacino per capire che alcuni operatori sono inaffidabili e che le autorizzazioni d'ufficio all'escavazione rilasciate dalla Provincia devono essere ritirate? Per la cronaca per la prima volta in Provincia di Brescia, a mia memoria, a seguito della lettera dei Comuni che di seguito vi riporto il competente settore provinciale ha iniziato l'iter di revoca dell'autorizzazione all'escavazione.
Vogliamo far continuare l'iter delle due discariche? Qualcuno vuol ricordare che la destinazione urbanistica di questo bacino è "..uso agricolo e/o a verde pubblico attrezzato.." (dalla scheda tecnica del Piano Cave Provinciale)? Serve ribadirlo come facemmo nella puntata di Report dello scorso 3 aprile?
Di seguito la lettera scritta a Provincia e a Regione il 18/06/2011 scorso.

Nessun commento:

Posta un commento

Per evitare SPAM o la condivisione di contenuti inappropriati ogni commento verrà visionato da un moderatore prima della pubblicazione.